Omosessuali donatori di sangue? Ancora discriminazioni

0
Al Direttore del Corriere del Ticino
Al Direttore de La Regione
Lugano, 1/02/2017
Egregio Direttore,
scrivo in relazione agli articoli apparsi oggi sul Corriere del Ticino (Agli omosessuali sarà consentito donare il sangue) e su La Regione (Omosessuali donatori di sangue. A condizione che…).
La notizia che Swissmedic consentirà anche ai maschi omosessuali di donare il sangue solo in assenza di rapporti sessuali negli ultimi 12 mesi è tutt’altro che positiva. Da anni infatti la comunità scientifica nazionale e internazionale si è sforzata di superare, nel campo della prevenzione così come riguardo la donazione di sangue, l’inutile etichettatura e categorizzazione di gruppi di persone. Ogni persona infatti, al di là dell’orientamento sessuale, andrebbe valutata per i suoi comportamenti sessuali. Una persona eterosessuale che ha comportamenti a rischio è nella stessa situazione di una persona omosessuale che ha comportamenti a rischio e viceversa. Sono quindi i comportamenti a rischio del singolo a dover far valutare la possibilità o il divieto di donare il sangue del singolo. Ragionare per categorie non fa altro che alimentare invece forme di pregiudizio, stigma sociale e discriminazione verso l’omo-bisessualità.
Non permettere di donare il sangue ad una persona che non ha avuto comportamenti a rischio, solo a causa del suo orientamento sessuale, è tutti gli effetti una forma di discriminazione. Così come chiedere che solo per i maschi omosessuali o per i maschi che hanno rapporti con altri maschi ci sia il divieto di donare il sangue in caso di rapporti sessuali negli ultimi 12 mesi (siano essi a rischio o rapporti protetti); situazione di discriminazione che purtroppo permane ancora oggi in Svizzera.
La speranza e l’invito è quello di valutare la possibilità e il divieto di donare il sangue secondo criteri oggettivi di rischio rispetto al comportamento sessuale del singolo, e non quindi partendo da categorie e generalizzazioni.
Marco Coppola, responsabile progetto Gayticino/MSM – Zonaprotetta

Lascia un commento